Home > Auguri, Cucina, Cucina regionale, Dolci, Pasqua, Specialità, Trieste > Pinza e titola: la Pasqua nela tradizion triestina

Pinza e titola: la Pasqua nela tradizion triestina

Non voglio essere accusato di plagio perciò cito subito la fonte e ringrazio nuvoledifarina.blogspot.it spiegando che riporto l’articolo trovato solo perché mi fa ricordare l’infanzia e, proprio per questo motivo, lo riporto solo in “lingua” originale🙂

cucina-regionale-giuliana-pinza-e-titola-la-p-L-70hE1O

La pinza e la titola xe due dolci che non pol mancar sule tole triestine per Pasqua: i due dolci i ga el steso impasto ma le forme xe differenti. Intanto ve dago l’impasto base dei due dolci e dopo ve conto qualcosa su de lori:
1 kg de farina Manitoba70 gr de lievito de birra250 gr de zucchero100 gr de burro fuso1 bicer de latte tiepido6 ovi1 bicerin de rum (mi go adopera una bagna per dolci al rum)Preparemo un lievitin con 250 gr de farina e el lievito de birra sveia per 10 minuti nel latte tiepido con un fià de zucchero; se lasa che lieviti per un ora e dopo se meti altri 250 gr de farina, 100 gr de zucchero, 40 gr de burro e 2 ovi. Ogni ingrediente va messo solo dopo che quel prima se ga za amalgamà. Dopo se fa lievitar l’impasto per altre 3 ore e dopo se meti tutti i altri ingredienti ma se tien de parte un ciaro de ovo. Lasemo che lieviti per altre 3 ore e dopo xe pronto l’impasto per i dolci
Comincemo con la pinza:

cucina-regionale-giuliana-pinza-e-titola-la-p-L-yE88ri

la pinza ga la forma de un panetton, ma piu basso de quei de Nadal, con tanti ovi e tanto burro le fette vien più compatte, i busi vien pici inveze che grandi. Essendo un dolce che ga poco zucchero  se lo pol magnar anche col cotto de Praga. Per far la pinza se ciol un poco de impasto base e se fa un tondo, dopo se ciol le forbici e se fa tre tai come per far la crose de Gesù.
Ecco la titola:

cucina-regionale-giuliana-pinza-e-titola-la-p-L-Zn7dJl

la titola xe un dolce che ga la forma de una treccia a 3 cordoni, dall’impasto base te ciol tre tochi de impasto che va slongadi, fissadi de una parte e intrecciadi tra de lori, la chiusura della treccia la va messa sotto el dolce. La zima della treccia va lavorada in maniera differente, le zime laterali va lavorade col matterel fina a far un unico composto arrotondado, in mezo se meti un ovo duro piturado de rosso che rappresenta la passion de Cristo. A sto punto se ciol la zima de mezo e se blocca l’ovo.
Adesso ciolemo l’albume che gavevimo meso via, lo battemo ben e lo metemo sora i dolci e metemo a cusinar in forno za scaldado a 180 ° per meza ora e dopo a 150 ° per 40 minuti. Con sti due dolci ve auguro bona Pasqua a tuti😀

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: